Redazione
8 Febbraio 2022
Strumenti

Come migliorare la Customer Experience e aumentare le conversioni con la Strong Costumer Authentication

Secondo i dati del Digital Market Outlook di Statista, nel 2021 sono stati effettuati pagamenti online per un valore di 4.200 miliardi di dollari a livello globale e per il quinquennio 2020-2025, solo in Italia, è attesa una crescita dei volumi dell’eCommerce del 76%.

I metodi di pagamento preferiti dagli italiani

Uno studio pubblicato a dicembre 2020 dalla BCE riporta che gli strumenti di pagamento più utilizzati online dagli italiani sono le carte di pagamento, utilizzate nel 54% delle transazioni.

A seguire troviamo gli e-payments, ovvero le piattaforme di pagamento digitale come i digital wallet, utilizzati nel 28% dei casi in Italia, mentre il 6% delle transazioni è stato finalizzato in contanti.

Eppure, l’eCommerce incontra ancora oggi delle resistenze da parte dei consumatori che hanno a che fare con la loro fiducia.

La fiducia dei consumatori nell’eCommerce

Basti pensare che una ricerca condotta nel 2019 da MarkMonitor evidenziava come il 63% degli acquirenti non credesse che le aziende stessero facendo abbastanza per proteggere le informazioni personali inserite in fase di acquisto. Inoltre, il 33% dichiarava di aver subito una truffa effettuando pagamenti online e dunque di sentirsi poco sicuro ad inserire i dati della propria carta di credito online.

Nel corso di questi anni, complice anche la pandemia, l’eCommerce ha vissuto un momento di vero e proprio boom, ma gli utenti ancora nutrono dei dubbi circa la sicurezza degli acquisti online. Dubbi che, come abbiamo raccontato anche in questo approfondimento, causano nel 17% dei casi l’abbandono del carrello degli acquisti.

Effettivamente, molti merchant dedicano ancora poca attenzione alla fase di checkout. Dare per scontato che la vendita sia ormai conclusa e l’affare fatto, però, è l’errore più grande che si possa compiere. Poca attenzione nelle fasi finali della vendita porta il cliente a non fidarsi e, con tutta probabilità, a non finalizzare mai una vendita sul canale. In altre parole, si riducono le conversioni.

Cosa fare, quindi, per conquistare la fiducia dei consumatori?

Per superare i dubbi e le perplessità espresse da parte di alcune fasce di consumatori è essenziale che i sistemi di pagamento siano trasparenti e incorruttibili.

La Strong Consumer Authentication

Una soluzione è la cosiddetta “Autenticazione Forte”, meglio nota come Strong Consumer Authentication (SCA).

Si tratta cioè di un meccanismo della PSD2 – la nuova Direttiva europea sui Servizi di Pagamento – introdotta per definire al meglio l’evoluzione dell’utilizzo dei sistemi di pagamento elettronico con l’obiettivo di migliorare la sicurezza delle transazioni e tutelare così gli utenti.

La Strong Customer Authentication, infatti, è normata dal Regolamento Delegato UE 2018/389 della Commissione Europea del 27 novembre 2017 integrando la precedente direttiva (UE) 2015/2366 del Parlamento europeo e del Consiglio e attiene alle norme tecniche di regolamentazione per l’autenticazione forte del cliente.

Essa definisce nuovi standard di sicurezza per l’accesso ai servizi bancari, all’area clienti e all’Home Banking, creando così un canale di comunicazione sicuro e affidabile. In altre parole, il fine della SCA è identificare e autenticare il cliente in modo univoco riducendo di molto le potenziali azioni fraudolente da parte di soggetti non autorizzati.

Come funziona la SCA

L’autenticazione forte si realizza combinando diversi elementi: password, PIN, accesso a device di proprietà come smartphone, o ancora tramite l’identificazione biometrica di tratti somatici personali (per esempio impronte o riconoscimento facciale).

Al momento dell’acquisto, in base alle tipologie di autenticazione definite dall’operatore, l’utente si troverà quindi a dover confermare la propria identità inserendo, per esempio, una password e un PIN distinti. Oppure ancora usando un codice personale e una chiave di sicurezza OTP ricevuta via SMS.

L’impatto sulla Consumer Experience

La SCA impone quindi agli operatori un attento e continuo monitoraggio dei flussi di pagamento, ridefinendo completamente il Customer Journey degli utenti e ottimizzando la loro esperienza di acquisto.

Altresì però, la SCA va a vantaggio dei merchant stessi che possono così beneficiare di pagamenti certi e maggiore fidelizzazione dei propri clienti che si traduce concretamente in un minor tasso di abbandono del carrello degli acquisti e, quindi, in un aumento delle conversioni.

È importante però sapere – e spiegare al consumatore finale – che l’introduzione della SCA comporta una maggiore complessità e un allungamento dei tempi nelle fasi finali dell’acquisto. Elementi che potrebbero indurre i clienti, sempre in cerca di rapidità e semplicità, a rinunciare alla finalizzazione dell’acquisto. Ecco perché da parte dei merchant è fondamentale spiegare ai propri clienti che l’introduzione della Strong Consumer Authentication, per quanto comporti un allungamento dei tempi, va a beneficio della loro sicurezza e della loro esperienza di acquisto.

 

Potrebbe interessarti anche

16 Maggio 2024
Logistica

Consegne Out Of Home in Svezia, le ragioni del successo

Le Consegne Out Of Home sono in aumento in Svezia, dove sempre più eShopper scelgono metodi di consegna alternativi alla tradizionale Home Delivery. Ma quali sono le ragioni alla base del successo delle Reti PUDO? In questo approfondimento analizziamo questo fenomeno.
10 Maggio 2024
Strumenti

3 modi in cui l’Intelligenza Artificiale sta rivoluzionando le spedizioni eCommerce

2 Maggio 2024
Interviste

Valentina Orioli (Comune di Bologna), “Ecco come puntiamo a rendere la logistica urbana sostenibile”

Le gestione sostenibile ed efficiente della logistica urbana è la domanda che sempre più città sono chiamate a porsi. Gli esempi virtuosi non mancano. Uno di questi è Bologna, una delle quattro città pilota in Europa che, grazie al Progetto URBANE, sta sperimentando soluzioni innovative per la logistica urbana sostenibile. Abbiamo parlato dell’esperienza del capoluogo emiliano, delle principali sfide che la logistica deve affrontare e delle misure che possono essere messe in campo a supporto di consegne più sostenibili con Valentina Orioli, Assessora del Comune di Bologna con delega alla Nuova Mobilità, infrastrutture, trasporto pubblico locale e città 30.

La più grande libreria di integrazioni dedicata ai servizi di Prossimità

Integra oltre 200.000 Punti di Ritiro in pochi click e preparati a gestire nuove soluzioni logistiche. Puoi connettere GEL Proximity utilizzando le nostre librerie ed API dedicate oppure scaricando il modulo dal marketplace del tuo software eCommerce.